Alla guida stop ai cellulari, studenti “vigili” in piazza Dante

09 marzo 2016, Il Mattino
L’iniziativa

Buche, serpentoni, semSenza-titolo-10afori non funzionanti. Per guidare a Napoli ci vorrebbe un esame speciale. Rischi che spesso provvediamo ad aggravare utilizzando il cellulare, indicato come causa numero uno degli incidenti stradali. I giovani ne fanno un uso disinvolto mettendo in pericolo se stessi e gli altri.

È così che Tim insieme alla Ducati hanno avviato una campagna di sensibilizzazione che domani a Napoli vedrà protagonisti gli studenti. I ragazzini diventeranno veri e propri «vigili urbani» e consegneranno a automobilisti e motociclisti indisciplinati un sacchetto dove riporre il cellulare per tutto il tempo che si è impegnati alla guida.

«Vogliamo invitare gli adulti ad una guida sicura e educare i ragazzi ad evitare i comportamenti scorretti spiega Cristiano Habetswallner responsabile sponsorizzazioni Tim – Coinvolgendo i più giovani ad aderire alle nostre campagne social e al nostro concorso speriamo di fornire un’ occasione per riflettere sulle conseguenze della distrazione alla guida».

Il concorso #guardavanti coinvolge sei scuole: il Convitto Vittorio Emanuele II, i licei Sannazaro e Don Milani, gli istituti Santa Lucia e Serra e l’ istituto Multicenter School. Gli studenti, domani dalle 10, a Piazza Dante costruiranno una campagna informazione multimediale. Ad accogliere gli studenti in piazza ci saranno Gigi e Ross dello show tv Made in Sud ed Ivan street artist milanese che insieme ai ragazzi interpreterà il concetto di sicurezza dipingendo un lenzuolo bianco che poi sarà messo all’ asta da associazioni locali.

Tra queste anche quella che si occupa delle vittime della strada: «All’ insicurezza delle strade non bisogna aggiungere distrazioni spiega Vito Cinquegrana presidente dell’ associazione Soprattutto in zone soggette ad incidenti come piazza di Vittorio o la circumvallazione esterna nei pressi di Casavatore».

Sulla sicurezza delle strade tanto invece sta svolgendo l’ Anas che come ricorda Gioacchino Lucangeli sta completando investimenti per 375 milioni. Dall’ università Federico II arrivano le
innovazioni tecnologiche: un software messo a punto dal dipartimento coordinato da Alfonso Montella, aiuterà gli uomini del capitano Ciro Colimoro della polizia municipale di Napoli ad archiviare
gli incidenti in una banca dati.